Mauro, un piemontese trapiantato a Paestum, oggi ci racconta la sua “vita da villaggio”!

Mauro, un piemontese trapiantato a Paestum, oggi ci racconta la sua “vita da villaggio”!

Ciao Mauro, è arrivato il momento di raccontarci la tua storia! Da quanti anni lavori come animatore e che ruoli hai ricoperto?

Questa è la mia quinta stagione come animatore sportivo e di contatto.

Cosa significa per te Vivateam e da quanti anni lavori con noi?

Lavoro con vivateam da 4 anni ed è diventata la mia seconda famiglia.

Cosa vuol dire per te essere un animatore?

Essere un animatore è uno stile di vita che si basa sulla felicità. Essere animatore significa portare il sorriso a chi ne ha bisogno. E poi è un modo di crescere perché per migliorare se stessi è necessario ascoltare gli altri, non semplicemente sentire!

Quali sono le caratteristiche più importanti per ricoprire il tuo ruolo? Descrivilo con tre parole

Sorriso – Energia – professionalità

Quali sono gli appuntamenti più importanti della giornata per un animatore con il tuo ruolo?

per il contatto sicuramente gli happening e i giochi…. per lo sport la lezione di tiro con l’arco!

Ci racconti la situazione più buffa e divertente che hai vissuto in villaggio?

Quando io (che sono alto 150 cm) ed un collega di nome Joseph (alto 200 cm) siamo riusciti a sbattere la testa l’uno con l’altro per schivare un irrigatore aperto…. ancora non abbiamo capito come abbiamo fatto!

Consiglieresti ad un amico questa esperienza e soprattutto perché?

Si, assolutamente senza alcun dubbio

 

Grazie Mauro, buona stagione!

Condividi questo post

Lascia un commento